AGRICOLTURA SOLIDALE:FATTORIE SOCIALI

Le “fattorie sociali” sono imprese agricole dove sono inserite, con interventi integrati tra i settori dell’agricoltura, del sociale e del lavoro, persone disabili o fragili che beneficiano del lavoro a stretto contatto con la natura e le relazioni solidali. Per incentivare questo progetto di agricoltura solidale, l’Assessore regionale al comparto  Franco Manzato, di concerto con i colleghi Remo Sernagiotto al sociale e Elena Donazzan al lavoro, ha portato all’approvazione della Giunta regionale un provvedimento che costituisce un gruppo di lavoro tra tecnici e esperti di agricoltura sociale o solidale. Alla fine dell’anno in corso, il gruppo relazionerà alla Giunta regionale in merito al grado di diffusione di questo particolare tipo di agricoltura nel Veneto; all’individuazione degli ostacoli normativo-economici per i soggetti erogatori di servizi di utilità sociale attraverso l’agricoltura; alle opportunità di sviluppo del settore. “Sarà un tavolo – commenta Manzato – che cambierà l’impostazione fin qui consolidata. Passerà da questa porta il primo intervento importante: l’integrazione dell’agricoltura nel sociale con una filiera corta tra fattoria sociale e aziende Ullss fino a ora costrette a un passaggio fiscale in più per poter mandare i ragazzi in queste specifiche sedi di produzione agricola in campagna”. Gli assessori Sernagiotto e Donazzan, dal canto loro, sottolineano come “risulti ampiamente dimostrato che l’attività agricola eserciti un ruolo fondamentale nei programmi terapeutico-riabilitativi di soggetti in difficoltà fisica, mentale o comportamentale e nei percorsi di inserimento lavorativo di fasce deboli della popolazione in situazioni di disagio sociale”.  “E’ opportuno ricordare – riprende Manzato – che la Regione del Veneto, già nei primi anni 2000, è stata tra le prime Regioni a definire, ai fini dell’applicazione della Programmazione Comunitaria per lo Sviluppo Rurale 2000-2006, le fattorie sociali come “le imprese agricole, come definite dal D.Lgs n. 228/2001, in grado di svolgere attività sociali nei confronti di persone diversamente abili. Successivamente, con l’applicazione del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013, il rapporto agricoltura/attività sociale è stato approfondito, e l’ambito di attività delle “fattorie sociali” è stato riferito ad alcune tipologie di offerta definite dalle norme regionali per il settore sociale”. Attualmente in ambito regionale, si registra un notevole interesse da parte di alcune aziende agricole che, nonostante le notevoli difficoltà derivanti dall’innovatività di tale settore, promuovono iniziative ad alto valore sociale all’interno delle proprie strutture. Il gruppo di lavoro in materia di agricoltura sociale o solidale sarà costituito da: Dirigente regionale della Direzione Agroambiente (o delegato); Dirigente regionale della Direzione Servizi Sociali (o delegato); Dirigente regionale della Direzione del Lavoro (o delegato); cinque rappresentanti delle ULSS, esperti in materia di tutela dei minori, età evolutiva, area disabilità, anziani, salute mentale (1 per ULSS), designati dal Segretario regionale per la Sanità; un rappresentante per i Comuni del Veneto individuato dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani sezione del Veneto (ANCI Veneto); un rappresentante per ciascuna Associazione Professionale agricola, di cui al Tavolo Verde previsto dalla legge regionale 9 agosto 1999, n. 32; sei rappresentanti delle associazione costituite tra imprese agricole ed eventuali altri soggetti operanti in ambito del sociale, avente per obiettivo statutario lo sviluppo di attività sociali in ambito agricolo, su indicazione dei rispettivi assessorati.

AGRICOLTURA SOLIDALE:FATTORIE SOCIALIultima modifica: 2012-06-25T14:53:10+02:00da erreciradio
Reposta per primo quest’articolo